Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/lacitta.eu/httpdocs/images/progetto-scuderie-del-papa-sallupara-22-11-14

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/progetto-scuderie-del-papa-sallupara-22-11-14


Viterbo CRONACA Si tratta di un lavoro imponente: le Scuderie, infatti, sono un rudere, in balia dell'incuria
di Laura Ciulli

 

Simonetta Valtieri e Antonio Rocca

Presentato il Progetto di Restauro delle monumentali Scuderie della Rocca Albornoz sabato 22 novembre al Museo nazionale etrusco di Viterbo. Ad introdurre l'evento il direttore Valeria D'Atri e l'assessore alla cultura Antonio Delli Iaconi, che passa il testimone a Enzo Bentivoglio.

Vedi la galleria fotografica di Gianni Uggeri alla fine dell'articolo

L'architetto presenta la figura di Bramante, personaggio luminante, nella patria di Egidio di Viterbo, conoscitore della lingua caldea, latina, greca, con riferimenti a Giulio II.

Si tratta di un lavoro imponente: le Scuderie, infatti, sono un rudere, in balia dell'incuria. Una parte di Viterbo da recuperare, per un'avventura affascinante, struttura immersa per tre metri nella vegetazione, aperta a vista, in un oblio collettivo.

Fondate nel 1534 dal cardinale Albornoz, trasformate in carcere nel 1839 dall'ingegnere Federici furono acquistate al Demanio dal Comune di Viterbo nel 2012 con il contributo della Fondazione Carivit.

“Sono riemerse 24 colonne, alte 4,52 metri, nel restituire quest'opera bramantesca dopo 500 anni" afferma l'architetto Simonetta Valtieri, illustrando il progetto che recupera l'antico,  ricorrendo a tecniche moderne e sofisticate.

Per il direttore artistico di Egidio17, Antonio Rocca, emerge l'importanza di Viterbo non solo città mediovale, bensì rinascimentale, "Perché è stata seppellita questa immagine di Viterbo rinascimentale ed ho capito che questa è un'altra tappa del percorso Egidio17".

Reduce da Avignone il sindaco Leonardo Michelini in riferimento al suo viaggio afferma che si tratta di "un eventuale fidanzamento, poiché Avignone è gemellata con Siena, ma spero che diventi un matrimonio". 

Per il primo cittadino Viterbo può diventare una città europea ed anche della cultura, proprio guardando oltre, "fieri di essere Viterbesi, ma non indolenti in una regola di concorrenza con gli altri".

Nell'affollata sala conferenze erano presenti: il presidente della Fondazione Carivit, Mario Brutti, il Premio Nobel, Riccardo Valentini, ed il presidente della cooperativa sociale " La Zaffa", Salvatore Zafarana.

Laura Ciulli

{gallery}progetto-scuderie-del-papa-sallupara-22-11-14{/gallery}

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizza in Villa party-relax con gli amici,
tra vigneti e uliveti, ampia piscina,
forno a legna, barbecue, cucina,
4 camere da letto, 4 bagni, salone,
taverna con sala biliardo, 2 camini.
Puoi divertirti in ampi spazi, indisturbato.

Il Marrugio mette a tua disposizione
la Villa che vedi qui in foto.
Clicca qui

Salva

Salva

chi è on line

Abbiamo 782 visitatori online

Salva

Salva

Salva

Salva