Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/lacitta.eu/httpdocs/images/viterbo-chiesa-s.maria-nuova-restauri-2014

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/viterbo-chiesa-s.maria-nuova-restauri-2014


Viterbo CRONACA CONSERVATIVA



Le Cappelle Monaldeschi e Aldobrandini dopo i restauri
Copia o trascina la foto sul tuo computer, sarà un modo per amare di più la tua Città

Il 19 Giugno è stato inaugurato, alla presenza del Vescovo Lino Fumagalli, il restauro delle pitture  murali appartenenti a due cappelle ubicate all’interno della chiesa di Santa Maria Nuova a Viterbo.

L’intervento, promosso dal Rotary Club e sostenuto dalla Banca di Viterbo, è iniziato a Novembre e si è concluso a Maggio, ed è stato condotto sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Lazio.

Le cappelle dipinte, nelle quali sono rappresentate due Crocifissioni, appartengono a periodi diversi: la prima, fatta edificare della famiglia Monaldeschi sul finire del XIII secolo, fu affrescata da un anonimo maestro di scuola Toscana; la seconda, degli Aldobrandini, venne dipinta da Francesco d’Antonio detto il Balletta nella seconda metà del XV secolo.

La comune abitudine di chiamare tali pitture affreschi (da“buon fresco) appare un po’ impropria, dato che si tratta di opere eseguite anche mediante la tecnica “a secco”, cioè con il riporto dei colori su intonaco asciutto.

Entrando nel merito del restauro, curato dal dott. Emanuele Ioppolo, si è proceduto dapprima al consolidamento degli strati preparatori non più aderenti al supporto e della pellicola pittorica che risultava decoesa, poi all’intervento di pulitura delle superfici, che è avvenuto mediante rimozione di tutti i depositi di “sporco”.

Successivamente, dopo aver eliminato le stuccature non più stabili di un precedente restauro, si è passati alla reintegrazione cromatica delle lacune e alla realizzazione di nuove stuccature.

Preliminari alle operazioni di restauro sono state le indagini diagnostiche, eseguite dal Laboratorio Michele Cordaro dell’Università della Tuscia, e le ricerche storico-artistiche del dott. Giannino Tiziani, funzionario di zona per la Soprintendenza.

Insomma, un intervento con un’alta valenza di scientificità, volto a restituire alla città di Viterbo due monumenti di rara bellezza ed eccezionale valore storico, che appaiono nuovamente al fruitore in tutta la loro vivacità cromatica.

VIDEO Inaugurazione degli avvenuti restauri degli affreschi in santa Maria Nuova

{gallery}viterbo-chiesa-s.maria-nuova-restauri-2014{/gallery}

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizza in Villa party-relax con gli amici,
tra vigneti e uliveti, ampia piscina,
forno a legna, barbecue, cucina,
4 camere da letto, 4 bagni, salone,
taverna con sala biliardo, 2 camini.
Puoi divertirti in ampi spazi, indisturbato.

Il Marrugio mette a tua disposizione
la Villa che vedi qui in foto.
Clicca qui

SALDI DAL 7 LUGLIO

Salva

Salva

chi è on line

Abbiamo 897 visitatori online

Salva

Salva

Salva

Salva