Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva


Montefiascone CRONACA

Gli studenti dell’IISS “C. A. Dalla Chiesa” incontrano Giuseppe Carrisi per parlare di legalità e infanzia violata.

Lunedì 4 giugno, presso l’IISS “C.A. Dalla Chiesa” di Montefiascone, nell’ambito della Settimana dello studente, si è svolto un incontro con Giuseppe Carrisi, giornalista RAI, scrittore e documentarista, che da anni si occupa delle problematiche dei Paesi in via di sviluppo, in particolare dell’Africa. 

L’iniziativa si colloca nell’ambito delle attività formative previste dal programma “Custodire la terra, coltivare l’umanità”, che ha consentito all’IISS “Carlo Alberto Dalla Chiesa” di essere compresa - unica scuola pubblica della provincia di Viterbo - nell’elenco degli istituti scolastici aderenti alla Rete nazionale delle scuole associate UNESCO.

Il progetto intende sviluppare negli studenti competenze trasversali utili ad orientarsi autonomamente nell’ambiente naturale e sociale, a raccogliere la sfida della complessità e a prendere decisioni, sia individuali che collettive, consapevoli, efficaci e responsabili.

Presentando l’ospite, Luciano Dottarelli, presidente del Club per l’UNESCO Viterbo Tuscia, ha ribadito le finalità del progetto, che, inserendosi in modo coerente ed efficace anche tra le azioni formative previste per il curricolo di Cittadinanza e Costituzione, mira alla formazione di una cittadinanza attiva, ispirata all’idea della cultura come confronto, apertura all’alterità e all’universalità a partire da un profondo radicamento, consapevole e critico, nella propria identità.

Nel corso dell’incontro sono stati approfonditi i temi della legalità, dell’infanzia e adolescenza violate e della promozione dei valori costituzionali, prendendo spunto dall’esperienza professionale di Giuseppe Carrisi e dalle conoscenze e curiosità dei ragazzi.

Durante l’incontro è stato proiettato “Voci dal Buio”, film documentario che racconta storie di realtà geograficamente distanti: Barra, quartiere di Napoli, e Goma, città situata nella Repubblica domenicana del Congo, accomunate dal fatto che i bambini sono vittime e vengono privati della loro libertà (https://www.cinematografo.it/cinedatabase/film/voci-dal-buio/56984/).

Oltre a rivolgersi agli studenti per educarli ad una cittadinanza attiva il progetto “Custodire la terra, coltivare l’umanità” intende anche offrire un contributo alla comunità di riferimento e agli stessi decisori pubblici, stimolando un dibattito sul tema dei beni comuni, della convivenza solidale e del rispetto delle vocazioni territoriali.

Gli studenti hanno contribuito attivamente all’approfondimento dell’argomento, assistendo con attenzione partecipe alla proiezione del film e svolgendo significative riflessioni basate anche sulle loro esperienze personali.

Giuseppe Carrisi, giornalista Rai, scrittore e documentarista, ha collaborato con Radio Vaticana e, dal 1992 al 1998, è stato inviato per il settimanale "Gente". Ha realizzato numerosi reportages da zone di guerra, come Palestina, Sierra Leone, Uganda, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Sudan. Da anni è impegnato nell'attività di cooperazione internazionale in Africa e, dal 2008, è presidente della onlus "Pizzicarms", che si occupa di bambini soldato.

Il documentario "Voci dal buio" (presentato a Giffoni Film Festival) è stato trasmesso da Rai International, ha vinto la sesta edizione del Festival Internazionale del cinema per ragazzi di Yerevan (Armenia) ed è stato finalista al Prix Italia 2011.

 

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizza in Villa party-relax con gli amici,
tra vigneti e uliveti, ampia piscina,
forno a legna, barbecue, cucina,
4 camere da letto, 4 bagni, salone,
taverna con sala biliardo, 2 camini.
Puoi divertirti in ampi spazi, indisturbato.

Il Marrugio mette a tua disposizione
la Villa che vedi qui in foto.
Clicca qui

Salva

Salva

chi è on line

Abbiamo 527 visitatori online

Salva

Salva

Salva

Salva