Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Villa san Giovanni in Tuscia STORIA
Micaela Merlino

Agli Etruschi piacevano i miti greci, racconti pieni di avventure e di lotte, dove la fortuna si alternava alla sventura, aventi come protagonisti eroi audaci e coraggiosi, ma anche vulnerabili, divinità benevole, ma più spesso invidiose e vendicative, ed esseri umani dalle facoltà particolari o eccezionali, impegnati in imprese rischiose.

Viterbo STORIA
Chiara Aviani Barbacci, Stefano Aviani Barbacci
(Centro Studi Santa Rosa da Viterbo)


Rosa sulle Ande, Stefano e Chiara Aviani Barbacci

La Rosa viterbese nel Secolo d'Oro spagnolo.
Oggi, Santa Rosa da Viterbo è una figura religiosa poco nota fuori della nostra città, non fu così nel Siglo de Oro spagnolo dal quale ci viene una Vita Beatae Virginis Rosae che appartenne a Fernando Colombo, il figlio del grande navigatore.

Viterbo LA STORIA DI VITERBO
Mauro Galeotti

Saggini Costruzioni e la Storia di Viterbo: Porta di santa Lucia oggi Porta Fiorentina - Prima parte - Seconda parte - Terza parte Quarta parte - Quinta parte

Porta Fiorentina negli anni '50 (Archivio Mauro Galeotti)

Il 6 Marzo 1838 l’architetto comunitativo Francesco Lucchi, in una relazione sullo stato delle ante in legno, riferisce che il fusto a due partite deve essere rinnovato con legni nuovi di castagno, «con fodere e guarnizione scorniciata, con suo sportello», riutilizzando tutti i ferramenti esistenti.

Viterbo CRONACA STORICA da "IL MONASTERO"

La Quercia nel 1900 (Archivio Mauro Galeotti)

http://www.lacitta.eu/images/banners/il-monastero-frate-e-forno-ok.jpg

 

 

“L’Anno 1494 un tal Gabriello con Gio.[vanni] Francesco suo figlio andava da Viterbo a Civita Vecchia, ed arrivati al fiume Biedano furno incontrati da trè Assassini in Strada, che senz’altro con due colpi di spada ferirono mortalmente in testa detto Gabriello, gli passarno da una parte all’altra li fianchi con uno spiedo, quasi affatto li staccarno dal braccio una mano, e con altre ferite di freccie, e spada talmente li lacerarno il corpo, che cadde in terra come morto:

Viterbo LA STORIA DI VITERBO
Mauro Galeotti

Saggini Costruzioni e la Storia di Viterbo: Porta di santa Lucia oggi Porta Fiorentina - Prima parte - Seconda parte - Terza parte Quarta parte

Porta Fiorentina fine anni 1930 primi del 1940. A destra è il distributore di benzina Agip Victoria e la porta ha ancora i cancelli di ghisa (Archivio Mauro Galeotti)

Nel Febbraio del 1701 vi furono alcune lamentele a causa della porta in legno che non chiudeva bene e per serrarla di notte, per il portinaio, era un problema non indifferente. 

Viterbo STORIA
Vincenzo Ceniti

Fischio di partenza alle ore 8 del 27 ottobre 1932. Lo dà il capostazione di turno, tale signor Villa. Da Roma (piazzale Flaminio) parte per il viaggio inaugurale il primo convoglio (due locomotori e tre vagoni) della rinnovata ferrovia Roma-Nord con a bordo il capo del governo Benito Mussolini accompagnato da un manipolo di gerarchi che occupa la carrozza 59, una vettura-salone allestita appositamente per il Duce con tavoli e divanetti.

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi è online ora assieme a te

Abbiamo 671 visitatori online


Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva