Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva


Viterbo SPORT
Mario Cipolloni

Il Sudtirol va alle semifinali mettendo alle spalle, del solito grande Iannarilli, due palloni.

Hanno dunque vinto i biancorossi bolzanini, ma la Viterbese quantunque le 11 partite giocate più dei ragazzi di Zanetti, non ha affatto subito la pressione, il gioco dei padroni di casa.

E' stata una grande Viterbese, nel primo tempo ha avuto qualche occasione per marcare la rete del vantaggio che avrebbe sicuramente messo in difficoltà i biancorossi altoatesini: 

Il palo di Jefferson, e Mosti ad impegnare alla grande Offredi, infine Vandeputte con Offredi ancora a parare con difficoltà.

Non dimenticando di ricordare la "non espulsione" di Gyasi per un secondo evidentissimo fallo su Jefferson non evidenziato, erroneamente, dall'arbitro Valiente.

Poi, come spesso accade, dopo fermato più volte le incursioni biancorosse, al 48' dopo soli 3 minuti della ripresa la prima rete del solito Costantino, che è sembrato avere un conto aperto con i gialloblu, tre reti, due a Viterbo e una a fine partita a Bolzano poi, al 90+5 la rete di Candellone.

Ok, ha vinto il Sudtirol, onore  al merito, ma la viterbese non è stata "assolutamente" inferiore, si è fatta rispettare giocando soprattutto con grande orgoglio, intensità e belle geometrie calcistiche.

Come scrisse alla madre Francesco I dopo la sconfitta di Pavia: "Tout est perdu fors l'honneur"; ovvero, la Viterbese può ben dire" "Ho perduto, ma ho avuto l'Onore di aver giocato grandissime partite nei play off, compresa l'ultima a Bolzano". 

La Viterbese esce dai play off dopo quattro vittorie, un pareggio, e purtroppo, una sola sconfitta, a voler dire e lo scriviamo escono i gialloblu con grande "onore", dopo un campionato giocato alla grande, dopo essere uscita dalla Coppa Italia per errori arbitrali, così come uscita ai quarti dei play off per un paio di errori marchiani dell'arbitro Valiante.

A questo punto si aspetta solo il rompete le righe poi, tutti a casa aspettando, in primis, quanto promesso dal comune di Viterbo a Piero Camilli "il campo in sintetico", che necessita il prima possibile, sappiamo per certo che nei  primi mesi dell'anno 2018 è stata deliberata a maggioranza la spesa per il sintetico al campo del Pilastro, non resta altro da fare che iniziare i lavori (sempre ammesso che quei soldi ci siano ancora e non stornati per altri lavori che dovranno essere fatti prima delle elezioni di luglio) dopo aver disbrigato le relative pratiche, la nuova stagione calcistica inizia tra un paio di mesi non c'è più tempo per il" vedremo, il faremo, il tutti tranquilli"

La Viterbese aspetta, Camilli aspetta, i tanti tifosi aspettano, (a loro il nostro plauso incondizionato per non aver Mai, si ripete, Mai, lasciati soli i figli della signora in gialloblu, anche a Bolzano erano non meno di 150/200), diversamente gli attuali  politici che regolano tutt'oggi la vita cittadina, (almeno fino a luglio) e i prossimi eletti, si sobbarcheranno le colpe del non aver fatto!

 

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Salva

Salva

chi è on line

Abbiamo 2044 visitatori online

Salva

Salva

Salva

Salva