Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva


Viterbo LIBRI

 

Dopo più di 4 anni di tensioni, finalmente oggi, è arrivata la piena assoluzione dall’accusa di aver apposto le firme di alcuni consiglieri nella petizione on-line che non voleva la realizzazione del registro delle unioni civili nel comune di Viterbo.

Il Comitato Sì alla Famiglia, diretto da Carla Vanni, aveva cercato di raccogliere delle firme per comprovare che i viterbesi non erano d’accordo sul dare diritti alle persone omosessuali. Dall’altra parte Arcicultura lesbica e Solidarietà cittadina avevano raccolto più di 4000 firme perché il registro fosse istituito.

Questo avveniva nel gennaio 2014, a marzo dello stesso anno il registro delle unioni civili veniva legittimato nel comune di Viterbo e nell’estate 2016, una legge nazionale stabiliva definitivamente le Unioni Civili in Italia. Ad oggi nel Comune di Viterbo e provincia più di 30 coppie omosessuali sono unite civilmente.

La più grande soddisfazione, da me rilevata, è stata il riconoscimento, parte della comunità, di rappresentante e promotrice dei diritti di tutta la popolazione LGBTQI. L’11 di Agosto celebrerò ufficialmente l’unione civile tra due donne. Meglio di così!

La strada per il matrimonio ugualitario è ancora lunga: vogliamo che anche il tema dell’omogenitorialità come quella dell’adozione venga discussa e approvata. È l’amore che crea una famiglia e un bambino o una bambina può avere anche genitori dello stesso sesso.

Per quanto mi riguarda continuo a scrivere come autrice e giornalista. Oggi è uscito anche il mio primo romanzo “Ancora” edito da Il Seme Bianco che ha appunto per tema la storia d’amore tra due donne. Due caratteri molti diversi che sono attratti da tutto quello che a loro manca: Carla Verruti è una cassiera che da tempo lavora nell'ipermercato Takefour, Sara Luccioli è una giovane ragazza alla ricerca della propria felicità.

La vicenda si svolge in un sordido ipermercato dove chi comanda vede le commesse solo come mucche da monta. C'è, però, Vilma Menichetti, la veterana delle cassiere, che con astuzia e un bel po' di ingegno riuscirà a sventare ogni ricatto e sopruso. L'unico modo per combattere ogni forma di violenza è l'unione. L'unico modo per conquistare la libertà è la consapevolezza della propria condizione.

In fine, un grazie speciale al mio avvocato e amico Carlo Mezzetti che si è battuto per me, e per i valori che rappresento, come un leone.

Per l'acquisto del libro clicca qui

Emanuela Dei

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Salva

Salva

centro commerciale tuscia generico

chi è on line

Abbiamo 1215 visitatori online

Salva

Salva

Salva

Salva