Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva


Viterbo EVENTI

Riprendono, come ogni anno, le attività dell’associazione culturale “La Poderosa” con la partecipazione alla “Notte rossa”, iniziativa promossa dall’Arci che ha per titolo “Popoli e diritti” e coinvolge le associazioni culturali di tutto il territorio nazionale.

Le iniziative della Poderosa sono promosse in collaborazione con la fondazione Gualtiero Sarti di Viterbo.

Per la sera di venerdì 13 è previsto un incontro con lo storico Franco Dominici dal titolo: “La resistenza partigiana tra Lazio e Toscana”. Presentazione del libro “BAM” che ripercorre le vicende della Banda partigiana Arancio - Montauto, dal cognome del fondatore e dal nome della località quartier generale, attiva tra il Grossetano e il Viterbese.

Una Banda partigiana composta da combattenti di diversa nazionalità: russi, africani, polacchi, tedeschi, austriaci, indiani, spagnoli che, oltre ad aver combattuto per la liberazione del paese, ha realizzato nei fatti un modello di integrazione ancora oggi valido e auspicabile. Di questo discuteranno, a partire dalle 18,30 presso la Casa del Popolo di Vasanello, l’autore del libro e lo storico dei movimenti antifascisti e resistenziali Silvio Antonini. Alle 21 cena Buffet offerta dalla Poderosa e poi a seguire il concerto di Serena Matù.

Sabato 14 invece si parlerà di Ius soli cioè del diritto di cittadinanza per chiunque nasca nel nostro Paese. La normativa italiana sulla cittadinanza è attualmente una delle più rigide d’Europa perché non riconosce lo status di cittadino, fino al compimento del diciottesimo anno d’età, ai figli degli immigrati nati in Italia. Un dibattito riaperto dalla discussione in parlamento della legge sulla cittadinanza. Di questo e di molto altro si parlerà alla Casa del Popolo, alle 21,30, con l’intervento di Sergio Giovagnoli vicepresidente di Arci Solidarietà di Viterbo.

Durante i due giorni della manifestazione l’associazione la Poderosa continuerà nella raccolta di firme in sostegno della legge di iniziativa popolare promossa da Radicali Italiani “Io ero straniero” un tentativo per superare la legge Bossi – Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro. La legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari” è promossa da Radicali Italiani insieme a Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, con il sostegno di numerose organizzazioni impegnate sul fronte dell’immigrazione, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes Comunità di Sant’Egidio e tante associazioni locali.

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi è online ora assieme a te

Abbiamo 1200 visitatori online


Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva