Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva


Viterbo CRONACA

 

Con una lametta in mano, minaccia i poliziotti che lo tranquillizzano, lo bloccano e lo denunciano.

Il fatto si è verificato nei giorni scorsi, quando gli equipaggi della Squadra Volante della Questura, nell’ambito dei servizi di controllo intensificati dalla Polizia di Stato nel Capoluogo, sono intervenuti in una casa di cura cittadina, dove era stato segnalato un uomo che stava minacciando il personale medico.

Sul posto i poliziotti verificavano la presenza di un cinquantatreenne residente in un comune della provincia che, in una sala d’aspetto della struttura, minacciava i presenti brandendo una lametta con la quale si era ferito e con in mano una bottiglia di vino che sorseggiava continuamente.

I poliziotti, con molta calma, dopo aver invitato il personale medico a tenersi a debita distanza, cercavano di colloquiare con l’uomo che, in forte stato di alterazione psico-fisica li minacciava ripetutamente. Gli uomini della Squadra Volante, utilizzando il necessario tatto, immediatamente percepivano che l’interesse dell’uomo era quello di essere assistito in quella struttura.

A questo punto, riuscivano a tranquillizzare il soggetto e successivamente ad immobilizzarlo, consegnandolo poi ai sanitari per le necessarie cure mediche.

 

 

 

 

L’uomo, con numerosi precedenti penali per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di sostanze stupefacenti, veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per minaccia a Pubblico Ufficiale e per interruzione di pubblico servizio.

Il sangue freddo e la professionalità dei poliziotti della Squadra Volante intervenuti rapidamente consentivano, ancora una volta, si risolvere nel migliore dei modi una situazione che si stava facendo alquanto critica.

Prosegue l’intensificazione dei servizi di vigilanza da parte dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico disposta dal Questore di Viterbo, per garantire un capillare controllo del territorio ai fini preventivi.

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi è online ora assieme a te

Abbiamo 720 visitatori online

-

--

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

---

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva